Archivio per maggio 2005

Robur, un secolo vissuto intensamente

May 30, 2005, 9:25 pm

A MACERATA – Vincenzo Campogiani

Quest’anno si festeggia il primo secolo di vita della Robur. Escludendo i club di tiro a segno, quella attualmente presieduta da Vincenzo Campogiani è la società sportiva più vecchia della provincia insieme alla Virtus, anch’essa nata nel 1905. Pure la Robur, fondata dal direttore dell’oratorio dei Salesiani don Luigi Baldi, ha iniziato con la ginnastica. Dal 1920 cominciò ad emergere anche l’attività calcistica. La Robur ha sfornato tanti giocatori importanti e alcuni di questi (Brizi, Mari e Porro) sono arrivati a giocare in serie A. Domani sera alle 21.15 al teatro Lauro Rossi iniziano i festeggiamenti, nel corso dei quali verranno premiati 14 personaggi (vivi e morti) che hanno scritto pagine importanti della storia roburina, e tutte le società di calcio della provincia vincitrici dei rispettivi campionati. Dalle 23 il teatro ospiterà la diretta televisiva del programma di Rai Sat Sport “Pianeta D”, in cui verranno presentate le squadre partecipanti alla manifestazione. Mercoledì e giovedì (ore 17, ingresso gratuito) si disputeranno, infatti, due partite in cui si potranno vedere all’opera i giovani più promettenti del calcio italiano e i migliori giocatori della serie D. Mercoledì l’Under 21 Sperimentale (che parteciperà ai Giochi del Mediterraneo) affronterà il top 11 di serie D, votato da 80.000 lettori del Corriere dello Sport. Giovedì l’Under 18 di Rocca, nelle cui fila sono presenti tutti i giovani più promettenti del calcio italiano (molti di loro fanno già parte degli organici di squadre di serie A), giocherà contro il top 11 juniores di serie D eletto da 30.000 lettori di tuttosport e allenato dall’ex giocatore del Cagliari Aldo Firicano e dal direttore del quotidiano torinese Giancarlo Padovan.
Chi scrive fa parte del Comitato Organizzatore e invita tutti a partecipare a queste due belle giornate di sport gratuite.
Questo il saluto del presidente della Robur Vincenzo Campogiani. “Il centenario della fondazione rappresenta un evento molto raro nel pur vasto e poliedrico mondo sportivo italiano e questo testimonia la validità dell’operato di questa piccola società che in tutti questi anni ha profuso il suo impegno in favore dei più giovani. In cento anni di percorso sportivo intere generazioni di giovani maceratesi sono cresciute in questa società. Sono entrati bambini, né sono usciti uomini, educati ai valori positivi dello sport, che sono quelli dell’impegno, del sacrificio, della costanza, ma nello stesso tempo, anche, della lealtà nel rispetto dell’avversario. Lo scopo di questa manifestazione per la società sarà quello di contribuire a celebrare degnamente i suoi primi cento anni di vita”.

IN ITALIA – Aldo Davanzali

E’ morto giovedì scorso, nell’ospedale di Loreto. Nullatenente. Malato del morbo di Parkinson. Era nato 83 anni fa a Sirolo. Un uomo che ha costruito un impero e ha perso tutto la notte del 27 giugno 1980, quando a nord di Ustica precipitò il Dc-9 dell’Itavia. Davanzali, presidente che ne era il presidente, venne accusato per la morte degli 81 passeggeri. Per molti mesi l’ipotesi principale fu del “cedimento strutturale”. Davanzali, si disse, faceva viaggiare su “bare volanti”. Nessuno crede più da tempo al “cedimento strutturale”, ma la strage di Ustica è sepolta sotto perizie, atti parlamentari, inchieste, non ha colpevoli, solo il fortissimo sospetto che sia avvenuta una battaglia in quel cielo. Davanzali ha sempre sostenuto che “ad abbattere il Dc-9 è stato un missile lanciato da un altro aereo”. L’Itavia tentava, fra le prime, di rompere il monopolio delle compagnie nazionali. Nel 2001 Davanzali ha chiesto allo Stato 1750 miliardi di lire per danni esistenziali e patrimoniali. La sentenza dovrebbe arrivare nel 2008.

NEL MONDO – Junior Allen

Dopo aver trascorso 35 anni in carcere per il furto di una tv in bianco e nero, Junior Allen (un nero americano) è tornato libero. L’uomo (65 anni) era stato condannato all’ergastolo nel ’70. La tv rubata valeva 140 dollari; per quel reato, oggi, la pena massima è di 3 anni.

NEL MONDO DELLO SPORT – Cristiano Lucarelli

Ha cominciato la stagione pubblicando un libro in cui raccontava come e perché ha rinunciato a un miliardo pur di giocare nel suo Livorno. L’ha chiusa da capocannoniere del campionato italiano davanti a Gilardino, Montella, Toni, Vucinic e Shevchenko. La salvezza del Livorno porta la firma di un livornese. Meglio di così…

by Matteo Zallocco

La tripletta di Mike 78

May 30, 2005, 1:32 pm

IL TOPIC DELLA SETTIMANA
Autore: Mike 78
http://www.secondopiero.com/forum/viewtopic.php?id=1033
CLASSIFICA ‘PUPPO & FRIENDS 2004/05’

SQUADRA                                   PUNTI                                   MAGIC P. GIO. VIN. NUL. PER. G.F. G.S. DIFF.RETI
NANKATSU F.C.                             70                                      2619.0 36 21 7 8 75 47 28
LA SECONDO PIERO                      57                                     2470.0 36 16 9 11 53 44 9
ZALLOCCO TEAM                          55                                       2579.0 36 15 10 11 61 45 16
GLENTORAN                                 53                                        2534.5 36 15 8 13 59 50 9
DODO UNITED                             53                                        2479.0 36 15 8 13 48 45 3
MENGHì TEAM                              50                                       2591.5 36 13 11 12 67 60 7
ATLETICO TIRES                         48                                        2495.5 36 13 9 14 50 54 -4
DRAKE TEAM                              42                                        2491.0 36 12 6 18 48 65 -17
LOKOMOTIV ALFIO                      40                                       2424.0 36 11 7 18 38 54 -16
U.S. EGEMONIA ARIANA              30                                       2417.5 36 7 9 20 35 70 -35

Accesa polemica alla fine del fantacalcio, con tanto di intervento del direttore. Da CM i ringraziamenti per l’ottimo lavoro di organizzazione svolto durante tutto l’anno da Mike, con la speranza che cambi idea e di rivederlo al suo posto anche l’anno prossimo.

IL POST DELLA SETTIMANA
Autori: Mike 78 e Ipnocoppu
http://www.secondopiero.com/forum/viewtopic.php?id=1040

Mike78

vediamo un pò,giusto qualche cosa prima di andare a dormire !

mi piace :

la vivibilità
la tranquillità
la mia casa
il clima
la posizione geografica
alcune persone

cosa non mi piace :

il periodo morto maggio-ottobre
il fatto che ci siano più vecchi che giovani
la mancanza di campi di calcetto al coperto d’inverno ( a parte i 2 introvabili del cus … )
la mancanza di una squadra di calcio in serie B/A per cui  tifare
la mancanza di fibre ottiche smile
l’ospedale
il nostro dialetto
alcune persone

Ipnocoppu

Difetti:
Traffico (anche se da altre parti è molto peggio)
Mancano locali alternativi
Parcheggi
Vita notturna (nonostante l’università)
Ragazze (nonostante l’università)
Poche offerte di divertimento ai giovani (nonostante l’università)
Concerti
Palestre per il calcio a 5
Mentalità chiusa

Pregi:
Tranquillità
Pulizia
Vivibilità
Pos. geografica
Università
www.secondopiero.com
Pallavolo e Softball
Sport

Sono loro ad affrontare i primi pro e contro della nostra città, facendo emergere molte verità. Due post semplici, genuini ed esaurienti.
Ora vediamo se anche qualcun altro si addentrerà sui temi territorialmente a noi più vicini.

L’UTENTE DELLA SETTIMANA
Mike 78 e Matteo Zallocco

Probabilmente lo avranno notato in pochi: questa settimana mike ha superato i 4000 post (esagerato!), il sottoscritto i 2000 (per questo mi autocito). Avremo anche scritto tante cavolate, ma credo sia emerso anche qualcosa di interessante icon_smile

Rispettivamente primo e terzo utente del forum. Secondo… Piero icon_razz

by Matteo Zallocco

Savoldelli in rosa, Macerata no

May 29, 2005, 9:01 pm

A MACERATA – Melania Moschini

Sono stati eletti i 18 presidenti delle Sezioni di Confindustria in provincia. Tra questi c’è solo una donna: Melania Moschini (presidente della Sezione Legno) della “Poltrona Frau”. Una donna e 17 uomini al potere. Una proporzione tipicamente maceratese.
https://cronachemaceratesi.wordpress.com/2005/05/09/macerata-e-femminile-ma-non-e-donna/
Questi gli altri presidenti: Bruno Tanoni (Sezione strumenti musicali), Romano Sagni (Sezione orafo argentieri), Sergio Sciamanna (conciaria e pelletteria), Ruggero Ruggeri (accessori calzature), Michele Paoloni (tessile e abbigliamento), Enrico Roganti Spoleteni (autotrasporti), Fabio Paci (edilizia), Sergio Giuliodori (terziario innovativo), Stefano Gregori (turismo), Sergio Foresi (materiali da costruzione), Marcello Giosuè (alimentari), Daniele Maria Angelini (industrie cartarie e grafiche), Fabrizio Donnari (calzature), Aldo Birrozzi (impiantisti e montaggi industriali), Claudio Cioli (lapidei e inerti), Luca Bartoli (metalmeccanici), Sandro Bertini (industrie varie).

IN ITALIA – Paolo Savoldelli

Ha appena vinto un bellissimo Giro d’Italia. Splendido, se raccontato da Aldo Grasso:
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Sport/2005/05_Maggio/29/giro.s

html

Per lui si tratta del secondo successo al Giro, tre anni dopo il primo. Bergamasco, nato il 7 maggio 1973 a Chiusone, è soprannominato il Falco.

NEL MONDO – Yoshio e Tsuzuki

Ieri la Cina, oggi il Giappone. Una storia ancora più incredibile che fa pensare a una bufala. Yoshio e Tsuzuki, 87 e 85 anni, ex fanti della 30esima divisione “Pantere” dell’esercito imperiale avrebbero vissuto nella giungla per 60 anni e dicono di non sapere che la guerra contro gli americani è finita. I due sarebbero stati scovati nelle foreste filippine di Mindanao, da un altro giapponese, un cacciatore di reduci. Ma non è escluso che sia una truffa, un modo per fare soldi. Il sopravvissuto più famoso, Hiroo Onada, ritrovato nel 1974 nell’isola di Lubang, aveva ancora il fucile in mano: ora ha 83, sta in Brasile, ed è un popolare protagonista di libri, film e incontri pubblici. Si sostiene, inoltre, che solo a Mindanao, ci sarebbero almeno altri 40 veterani nascosti nelle montagne. Un’altra storia da film. Ma sarà vera…?

by Matteo Zallocco

La Cina si avvicina?

May 28, 2005, 10:14 pm

A MACERATA – Sergio Tombesi

Ho intervistato oggi questo signore che ha fatto ricorso al Codacons per aver subito dei soprusi dall’Enel. Ma quello che mi ha maggiormente colpito è il suo straordinario rapporto con internet. Sì, perché Sergio Tombesi, da diversi anni praticamente non vedente (ha un residuo visivo di 1/20) riesce a relazionarsi con la società soprattutto grazie alla Rete. E’ qui, infatti, che effettua acquisti, ricerche, pagamenti bancari ed è qui che raccoglie ogni tipo di informazione grazie ad un programma di lettura del computer. Perché lui non può leggere, ma è acculturato e ha avuto il coraggio di denunciare un ente (come tanti altri in Italia) poco organizzato e che soprattutto non considera (e non rispetta) gli invalidi.

IN ITALIA – Walter Tobagi

Io non ero ancora nato in quel 28 maggio 1980, lui aveva 33 anni quando i terroristi rossi della “Brigata 28 marzo” lo assassinarono a Milano. Stamattina alle 11 in via Salaino (lo stesso luogo dell’omicidio) è stata scoperta una targa in sua memoria. Walter Tobagi, inviato del Corriere della Sera, fu ucciso per aver scoperto e raccontato la verità.

NEL MONDO – Sun Wusheng

A Xian, la città dei misteriosi guerrieri di terracotta, il nuovo guerriero è in carne e ossa. Un 40enne piccolo e magro, diventato un eroe popolare nella Cina capitalista, industrializzata e tecnologica. Forse gli tapperebbero volentieri la bocca ma non possono. Se solo ci provassero ne ricaverebbero una sollevazione. Sun è un sindacalista. Il sindacato ufficiale in Cina è un esercito di robot, a comando i robot rispondono. Ma Sun non è uno di quelli. Lui è un po’ Robin Hood e un po’ Lech Walesa. Dopo la licenza di scuola media Sun lavora nei campi. La svolta arriva nel 1995 quando accetta un impiego in un cantiere. In cinque anni di lavoro non vede mai una bustapaga. Studia diritto e fa causa alla ditta: vince 37 mila renmimbi di arretrati. Oggi tutti si rivolgono a lui che ha aperto un suo ufficio. In un anno ha vinto più di 300 cause. Nessuna parcella, solo rimborsi spese e un piccolo contributo, l’equivalente di pochi euro.

by Matteo Zallocco

I segreti di Tolentino

May 27, 2005, 10:18 pm

A MACERATA – Fra Mario
Sul New York Times si parla delle Marche e di Tolentino. Ma quello che più colpisce è che il quotidiano americano ha pubblicato, a corredo dell’articolo, una bella foto del celebre “Fra Mario” che passeggia nel chiostro di San Nicola. Infatti il servizio, nel presentare le attrattive della nostra regione, con le sue peculiarità, mette l’accento sul fatto che le Marche stanno sostituendo la Toscana nelle preferenze degli inglesi, sia per la bellezza dei luoghi che per l’ospitalità della gente. Recentemente ho avuto modo di visitare Gualdo (piccolo paese di circa 1500 abitanti, colpito da una grossa frana) e ho potuto constatare che molti inglesi si sono trasferiti lì costruendo delle bellissime case. Come Gualdo, diversi altri comuni dell’ascolano e del maceratese (ma anche dell’anconetano e del pesarese) stanno diventando la meta prediletta dei britannici.
L’articolo del New York Times, comunque, tra i luoghi da visitare ha messo in luce il complesso monumentale della Basilica di San Nicola che quest’anno è interessato dalle tante celebrazioni promosse in occasione del Settimo Centenario della morte del Santo tolentinate. Ecco allora il riferimento a Fra Mario, celebre guida della Basilica e custode dei “segreti” della storia artistica, culturale e spirituale di tutto il complesso monumentale. Un riconoscimento inaspettato ma indubbiamente meritato per una delle figure che da decenni caratterizzano la Basilica di San Nicola.

IN ITALIA – Umberto Granaglia
“Le roi” è il nome con cui è conosciuto nel mondo delle bocce Umberto Granaglia. Il torinese, classe 1931, è stato insignito ieri del premio come “Miglior giocatore del XX secolo”. Ha iniziato a giocare quando aveva solo sei anni e ha smesso nel 1991. Nel 1957 fece parte della squadra azzurra che interruppe l’egemonia francese in campo mondiale. Il suo primo sigillo tricolore risale al 1951. Al suo attivo ha 13 titoli mondiali, 11 europei e ben 46 italiani.

NEL MONDO – Cecilia Barnes
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/05_Maggio/27/yah
oo.shtml

by Matteo Zallocco

Lube e Milan: questione di muri!

May 26, 2005, 10:34 pm

A MACERATA – Gigi Mastrangelo
http://www.lubevolley.it/20042005/squadra/mastrangelo.asp
Dopo la bella notizia dell’arrivo di Fefè De Giorgi, un coach giovane che ha già fatto molto bene a Perugia e che potrà sicuramente essere l’uomo giusto per la Lube, arriva una brutta tegola in casa biancorossa. Finisce dopo tre anni l’avventura di Mastro, “Tehe Wall”, il “re dei muratori” del volley italiano, alla Lube. Indubbiamente una brutta notizia per la società biancorossa che ha perso un centrale insostituibile. Punto di forza della nazionale di Montali, in casa Lube quest’anno è stato il miglior giocatore. Si è accasato a Modena (per una questione di…soldi!) e Macerata lo ha subito sostituito con un 24enne molto promettente come Golas. Ma, almeno per ora, non è la stessa cosa.

IN ITALIA – Mery Patrizio
Per quattro anni aveva cercato la fortuna in Mediaset. Dopo la nascita del figlio, depressioni e cure psichiatriche. Ieri un lungo interrogatorio. Poi l’arresto. E’ stata Mery Patrizio, 29 anni, ad uccidere il figlio Mirko, di appena quattro mesi, affogandolo nel bagno di casa. E’ successo a Merate, in provincia di Lecco. Una nuova Cogne. Una di quelle notizie che non si vorrebbero mai sentire.

NEL MONDO – Jerzy Dudek
Polacco di 32 anni, dal 2001 è il portiere del Liverpool che lo acquistò dal Feyennord dopo averlo visto disputare un’ottima Coppa Campioni. Quattro anni dopo diventa il protagonista principale di questa competizione. Grazie alle sue incredibili parate nei 120 minuti di gioco e ai calci di rigore, il Liverpool si aggiudica la Coppa Campioni dopo aver rimontato tre reti di svantaggio al Milan. Un nome che resterà a lungo impresso nella memoria dei tifosi rossoneri. Un muro davanti ai loro occhi.

LA FRASE DEL GIORNO – Diego Abatantuono
“Ora che guardando Dudek abbiamo imparato che in porta si balla, al posto di Dida metteremo Enzo Paolo Turchi, che ballava il tuca tuca con la Carrà”

by Matteo Zallocco

Due aziende maceratesi fanno… canestro!

May 25, 2005, 10:18 pm

A MACERATA – Franco Moschini e Giovanni Fileni
In un momento difficile per l’economia provinciale due aziende forniscono un confortante segnale di vitalità. L’altro ieri la “Poltrana Frau” ha acquisito dalla francese Fimalac e dalla famiglia Cassina il 100% di “Cassina Spa”, uno dei marchi più prestigiosi del design italiano. Un’operazione che fa dell’azienda tolentinate il primo gruppo mondiale nell’arredamento e design di alta gamma. L’azienda nacque a Torino nel 1912 per opera di Renzo Frau, un artigiano sardo. Ecco come e quando l’azienda è cresciuta e si è trasferita a Tolentino sotto la guida di Franco Moschini: http://www.nextonline.it/archivio/18/09.htm
Ieri la “Carni Fileni” di Cingoli, leader nelle Marche e tra le prime quattro in Italia con Aia, Amadori e Arena, ha acquisito il 30% della nota MB Mangini di Longiano di Cesena. Giovanni Fileni è il presidente dell’azienda cingolana, da lui avviata nel 1978. La Fileni fattura 400 milioni di euro, conta 2000 dipendenti (il 40% extracomunitari), opera su quattro linee (tradizionale, panati, elaborati cotti e crudi), ed è l’unico produttore di carni avicole biologiche. http://www.fileni.it

IN ITALIA – Giovanni Falcone
Ieri si sono tenuti cortei, dibattiti e concerti per ricordare,a 13 anni dalla strage avvenuta a Capaci il 23 maggio del 1992, il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Rocco Di Cillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani. Meta del corteo: “l’Albero Falcone”, davanti alla casa in cui il magistrato abitava.
Per non dimenticare anche qui: http://www.secondopiero.com/forum/viewtopic.php?id=1036

Franz

Un mio amico ha ricordato un fatto che ogni volta che ci penso mi fa venire un nodo in gola.

http://www.angelorecchi.com/nuovo_blog/ … icare.html

https://i2.wp.com/www.angelorecchi.com/nuovo_blog/capaci.jpg

NEL MONDO – Reggie Miller
La scorsa settimana Indiana ha detto addio ai sogni di gloria perdendo gara 6 della semifinale di conferenze contro Detroit. Dopo questa partita Reggie Miller, 39 anni, 18 stagioni nell’NBA, ha deciso di chiudere la carriera. E’ diventato un mito del basket nonostante non abbia mai vinto un titolo Nba. E’ soprannominato “il re delle triple” per i suoi micidiali tiri da fuori.

by Matteo Zallocco


maggio: 2005
L M M G V S D
    Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

CM Reporters

Giovi, Matteo Zallocco

CM Photo Album

Piscina,agriturismo il Frutteto

gianna e silvia

da Montalto (MC)

Altre foto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a questo indirizzo e saranno subito rimosse.

Statistiche

  • 46,547 visite