Il bandito che non ti aspetti

June 15, 2005, 11:47 pm

A MACERATA – Stefano Mucci

Lo chiamavano il rapinatore-solitario. Ora lo chiamano il poliziotto-rapinatore. Era accusato di dodici rapine aggravate, quattro furti di motorini, un caso di resistenza a pubblico ufficiale e il porto non autorizzato di un coltello. Le rapine erano quelle che, dal giugno del 2003 al luglio 2004, vennero messe a segno ai danni di uffici postali, banche e tabaccherie della città. Ad agire era sempre un uomo da solo, con il volto coperto da un casco integrale che arrivava e fuggiva a bordo di scooter rubati. In una giornata riuscì addirittura a compiere tre colpi in mezzora, senza che polizia e carabinieri riuscissero a intercettarlo. Lo scorso luglio la Squadra mobile riuscì a fermarlo, scoprendo che sotto il casco c’era un collega. Mucci, 38 anni, ora è stato condannato a tre anni e sei mesi di reclusione. Considerando che ha già scontato undici mesi ai domiciliari, gli restano da fare solo due anni e sette mesi e dunque non andrà in carcere.
(contenuti presi dal Carlino di oggi, autrice Pamela…)
Morale della favola: se in questi ultimi anni a Macerata la criminalità è aumentata in maniera esponenziale è anche colpa della Polizia…

IN ITALIA – Mario Altieri

Era stata la Fort Alamo degli ambientalisti, il Comune del “no pasaran”contro le scorie nucleari. Ora, invece, Scanzano Jonico è ridotto senza un’amministrazione perché un’inchiesta ha decapitato i vertici del governo cittadino, mettendo in carcere sindaco e vicesindaco per i brogli elettorali messi a segno con tanto di sopruso malavitoso. Concussione, corruzione, violenza privata e violazione della legge elettorale, reati aggravati dal ricorso al metodo mafioso: sono le accuse nei confronti del sindaco An di Scanzano, Mario Altieri, del vicesindaco Carmine Casulli, dell’assessore all’Agricoltura, dell’autista del sindaco e del responsabile dell’ufficio elettorale comunale, di due esponenti di seggi e di esponenti della criminalità organizzata. In tutto quindici persone arrestate ieri dai carabinieri di Matera.
Morale della favola: nell’Italia che non va a votare c’è una città che trucca i voti.

NEL MONDO – Aisha Al-Maneh e Mohammed Al Zalfa

L’Arabia che sta crescendo. La professoressa Aisha Al-Maneh aveva dichiarato: “In passato ci hanno detto che l’istruzione della donna è haram (proibita dall’Islam). Poi ci hanno detto che il telefono è haram, che se fosse entrato nelle case avrebbe violato l’onore della donna. Poi ci hanno detto che la televisione è haram. Ebbene oggi la donna è istruita, parla al telefono e guarda la televisione. E oggi serve una decisione politica per far riconoscere il diritto della donna alla guida”.
E quando nei giorni scorsi il deputato Mohammed Al Zalfa ha rivelato che le famiglie saudite sono costrette annualmente a spendere l’equivalente di 2,6 miliardi di euro per assumere circa un milione di autisti stranieri per scorazzare le signore sole, allora come d’incanto si è scoperto che l’Islam non proibisce la guida delle donne e che, tutto sommato, la società saudita è ormai matura per assistere senza scandalizzarsi allo spettacolo della donna al volante. La verità è che l’era delle vacche grasse è finita da tempo e difficilmente tornerà più. Il greggio sopra i 40 dollari a barile, si è ridotto a un terzo rispetto agli anni Settanta.
Morale della favola: dove vai se il denaro no ce l’hai.

NEL MONDO DELLO SPORT – Asafa Powell

Giamaicano, 22 anni compiuti l’11 novembre, ha battuto il record del mondo dei 100 metri. E’ riuscito a correre i cento metri in 9’’77, ad una velocità di 36,847 chilometri orari.
Morale della favola: da ieri sera è l’uomo più veloce del mondo. Vi sembra poco…?

by Matteo Zallocco

Advertisements

giugno: 2005
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

CM Reporters

Giovi, Matteo Zallocco

CM Photo Album

Piscina,agriturismo il Frutteto

gianna e silvia

da Montalto (MC)

Altre foto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a questo indirizzo e saranno subito rimosse.

Statistiche

  • 45,994 visite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: