Archivio per giugno 2006

Luca, il sommelier maceratese DOC

June 26, 2006, 9:43 pm

Di vino e altre bevande alcoliche, abbiamo già parlato su Cronache Maceratesi. Oggi abbiamo l’onore di ospitare Luca Tombesi, Orso Tom insomma, il vincitore del primo concorso Maceratese DOC
Matteo Zallocco. Trenta domande, una al giorno, sempre ad orari diversi. A chi risponderà esattamente e per primo ad ogni domanda andrà il punto quotidiano. Dopo un mese avremo “il maceratese doc” che riceverà anche un riconoscimento. Il concorso si svolgerà in questo topic e saranno validi solo i quesiti esposti dal sottoscritto.
Prima di inserire la domanda successiva verrà indicato il vincitore di giornata.
Il tour inizia oggi, tra un po’ partirà la prima tappa. Buon divertimento e in bocca al lupo a tutti gli aspiranti “maceratese doc”. wink
Luca sta frequentando un corso da Sommelier e abbiamo scambiato una chiacchierata con lui sul mondo del vino.
– Si consiglia di non dare il vino ai bambini. Chi ti ha fatto conoscere il vino per la prima volta? E cosa ti ha spinto a fare il corso di sommelier? E’ stato mio padre ad avvicinarmi al vino… fin da piccolo. La passione per il vino, la voglia di saperne di più e poter comprare e bere meglio mi hanno spinto a frequentare al corso di sommelier. In più può essere un buon punto di partenza per lavorare nell’ambiente.

– Immagino che avrai avuto l’opportunità di conoscere e assaggiare molti vini. Sai dirci il tuo vino preferito? Non ho un vino preferito in assoluto, dipende dalle situazione, sicuramente tra i bianchi considero un gran vino il Verdicchio, amo più quello di Matelica. Tra i rossi sicuramente mi appassiona molto il Sagrantino, ma dipende molto dal pasto che lo accompagna…

Di recente un ristorante di Fabriano ha vinto un premio nazionale per la migliore “carta dei vini”. Come si collocano le Marche sulla base della tua esperienza, nel patrimomio enologico italiano? Le Marche sono una grande regione vitivinicola ma ancora pochi lo sanno… abbiamo grandi vini, primo fra tutti il Verdicchio, ma si stanno affermando anche Rosso Conero e Rosso Piceno. Il problema è che abbiamo scoperto tardi questo patrimonio, fino a pochi anni fa il vino nelle Marche era cosiderato solo un alimento. Per fortuna ultimamente alcune aziende marchigiane sono usciti dal “gruppo” proponendo prodotti di eccellenza.

– Quali sono i migliori vini del maceratese? E i migliori locali per degustarli? Nella nostra provincia i mostri sacri sono oltre al già citato Verdicchio di Matelica, la Vernaccia di Serrapetrona, vino unico nel suo genere, unica DOCG della regione. Veniamo ai locali: oltre alle enoteche regionali di Jesi e Offida stanno sorgendo numerosi wine bar ed enoteche, ma su questi ti posso dire ancora poco. Invece ci sono molti ristoranti che oltre ad un’elevata attenzione per il cibo si sono dotati di cantine ben fornite e sommelier. Tra i tanti sicuramente spiccano: il “Kren” a Camerano, “I due Cigni” a Montecosaro Scalo, “le Case” a Macerata, “il Casolare dei segreti” a Treia, “il Re della Cantina” a Santelpidio a Mare, “il Giardino” a San Lorenzo in Campo e sicuramente molti altri che ora non ricordo.

Cosa pensi delle guide dei vini? Sono sempre attendibili? Quale consiglieresti? Più o meno sono tutte uguali, un vino però va comprato solo dopo averlo assaggiato e solo perchè ci piace, non perchè qualcuno ha detto che è buono. Se devo consigliare una guida allora scelgo 2000 Vini dell’associazione sommelier, semplice e ben curata, offre un ampia scelta per tutte le tasche.

– Di recente è stato presentato il servizio SMS e sai cosa bevi Qual’è il tuo giudizio su questo servizio? Pensi che troverà il favore del pubblico? Oramai sui telefonini c’è di tutto, il vino mancava… Penso che sia un servizio più che altro per le persone poco esperte e i cosiddetti bevitori occasionali, dubito comunque che avrà successo.

– Si è costituita da poco la Wine Blogger Association, WBA. Pensi anche tu che ci sia bisogno di un nuovo protagonista nella comunicazione del vino? Da un pò di tempo il vino va di moda, è normale che si moltiplichino le voci e gli ambiti della comunicazione. L’importante secondo me è mantenere una certa competenza e professionalità per evitare la banalizzazione anche di questo fenomeno di moda…

Si è parlato molto in queste ultime settimane della nuova legge che introduce l’uso dei chips (trucioli) in enologia come avviene già in altri stati (Australia, USA, ecc). Molti vedono un pericolo e il rischio di una omologazione. Cosa ne pensi? Io penso che usare i trucioli servano solo a mascherare quei vini di poco valore, vini che da soli non avrebbero mercato, insomma poco più che acqua colorata. Con l’aggiunta dei trucioli i vini prendono gli aromi “simili” a quelli della barrique (molto più costosa) ovvero sentori di tostatura, vaniglia, caffè e cacao. Così facendo però si perdono tutti gli aromi primari, cioè quelli che vengono direttamente dall’uva, e tutti i vini finiscono per essere uguali indipendentemente dal tipo di uva usato…

Baco C

Grazie Luca per il tempo che ci hai dedicato!

Auguri per il tuo futuro da Sommelier!

Nell’immagine: Il celebre quadro che ritrae il Bacco di Caravaggio. Si ringrazia la redazione di Homoblog per la sempre preziosa collaborazione.

by giovi

Cantar Lontano: un concerto mondiale

June 22, 2006, 11:27 am

Il fine settimana si preannuncia denso di eventi culturali. A Macerata è in programma Musicultura, ma per gli appassionati di musica classica ci sarà una occasione speciale, quella di seguire Cantar Lontano dal 22 al 26 Giugno 2006. Cantar Lontano è una prestigiosa rassegna musicale nata ad Ancona nel 1999 e volta alla riscoperta di luoghi e spazi capaci di amplificare la bellezza della musica. Direttore artistico della manifestazione è Marco Mencoboni, clavicembalista, organista, figura autorevole nel campo della musica antica. Marco ha origini maceratesi e di lui e della sua passione per la musica ha scritto: Da bambino le mie mani erano già grandi e si muovevano velocemente sulla tastiera. All’esame di ammissione in conservatorio mi offrirono solo la possibilità ad entrare nella classe di organo, io volevo diventare pianista. La bellezza della musica antica entrò nella mia vita a 14 anni. Marco Mencoboni, ha vinto numerosi premi e riconoscimenti sia in Italia che all’estero. Oltre ad essere direttore artistico del festival Cantar lontano, ha diretto il festival Organo in Concerto nella città di Civitanova Marche e ha partecipato ad altri eventi culturali in provincia.

Tra i luoghi particolarmente suggestivi e ricchi di cultura e di spiritualità in cui si terranno i concerti in programma della manifestazione 2006, vi saranno la stupenda Santa Maria di Portonovo, la Basilica di Loreto, ma anche un spazi nuovo come la Chiesa di San Domenico di Ancona e la piccola Chiesa Templare di Sant’ Ansovino, sperduta tra i boschi. Come già lo scorso anno il Festival si chiuderà in un “auditorium” naturale che ha un volume pari a quello di una grande cattedrale come la Grotta Grande del Vento all’interno delle Grotte di Frasassi. Il Cantar Lontano Festival, come sostiene il Touring Club Italiano nella sua ‘Guida alla musica in Italia’, è una delle pochissime manifestazioni culturali marchigiane di respiro internazionale. Il programma del festival si presenta con una importante novità: il gioco del cantar lontano, che avrà come obiettivo far vivere agli ascoltatori una emozione unica, quella di essere protagonisti della manifestazione. Dalla fervida creatività di Marco Mencoboni è nata l’idea di produrre quattro tipi di CD allo scopo di coinvolgere migliaia di persone in un brillante gioco di società.. Basterà scegliere la traccia all’evento di cui si è curiosi e fare play sul lettore per avere direttamente dalla voce del direttore artistico informazioni in anteprima sui luoghi, le musiche, gli artisti coinvolti nella manifestazione ed ascoltare un estratto sonoro. Giovanna Piccioni, clavicembalista anconetana e autrice di Da capo al fine, ha collaborato alla realizzazione delle 13 tracce audio che compongono il cd.
I CD possono essere impiegati -come afferma lo stesso compositore-come quattro sottobicchieri. I quattro CD nascono quindi per essere messi a tavola, ma sfruttando la caratteristica di poter contenere musica, saranno dei sottobicchieri parlanti se qualcuno li metterà all’interno di un lettore di cd.

Sul blog Da capo al fine è ospitata una intervista in podcasting e si può ascoltare dalla voce dello stesso direttore, la presentazione del festival e il suo lavoro di ricerca volto a riportare alla luce la musica di compositori marchigiani e non, del sedicesimo e diciassettesimo secolo. Marco già da tempo, molto attento alle nuove tecnologie ha aperto un blog e i suoi concerti si possono ascoltare in podcasting. Si inserisce in questa attenzione per i nuovi mezzi di comunicazione, anche la novità del’edizione 2006. Il Festival Cantar Lontano entra infatti nella storia di Internet perchè il concerto di musica classica in programma nella chiesa di San Domenico di Ancona, sarà trasmesso in diretta streaming mondiale attraverso la rete. Sabato prossimo 24 giugno sarà sufficiente fare clic sul sito a partire dalle ore 20.45 per assistere al concerto in diretta, in qualsiasi parte del mondo ci si trovi.

Nelle immagini il compositore Marco Mencoboni e i CD-sottobicchieri prodotti in circa 8000 esemplari. Fonte immagini.Cantarlontano

by giovi

Roberto Blarasin ci racconta l’ipnosi

June 20, 2006, 8:00 pm

L’argomento ipnosi ha suscitato interesse nel forum e per questo abbiamo chiesto al nostro psicologo Roberto Blarasin di approfondire la materia per Cronache Maceratesi. A lui la parola. Buona lettura!

Image

Sono molto contento di poter scrivere su CM. Ringrazio Matteo per l’invito e le ragazze e i ragazzi di Secondopiero.com per l’interesse dimostrato nei confronti dell’ipnosi.
In attesa della dimostrazione pratica e dei resoconti personali di alcuni inviati di Secondopiero, credo che sia doveroso iniziare ad affrontare l’argomento da un punto di vista teorico. Ho selezionato due punti fondamentali, indispensabili per inquadrare l’ipnosi nel modo giusto. Dopo la spiegazione teorica troverete un accenno a due giovani personaggi maceratesi che hanno già sperimentato i benefici dell’ipnosi.

La concezione naturalistica

Il primo punto riguarda la rivalutazione naturalistica della tran­ce, precedentemente considerata condizione artificiale o stato alterato di coscienza. La trance rappresenta una condi­zione natura­le della vita quotidiana (common everyday trance) che si riproduce frequentemente tutti i giorni come fenomeno fisiologico al servizio dell’io. Alcuni esempi comuni di stati dissociativi di tipo ipnotico sono: a) guidare seguendo una strada conosciuta e giungere a destinazione senza la minima consapevolezza di aver prestato attenzione al percorso appena fatto; b) essere pienamente assorbiti dalla trama di un film, sperimentando emozioni concordi con le immagini, avendo dimenticato per un periodo più o meno lungo di essere seduti sulle poltrone di un cinema, accompagnati da un compagno o un amico, circondati da altre persone; c) leggere distrattamente un libro, giungere alla fine di una pagina o di un paragrafo e non avere la minima traccia del contenuto appena letto.
A tal proposito Milton Erickson, il più grande ipnotista del secolo scorso e il padre dell’ipnosi moderna, indicava come non necessari, per l’identificazione dello stato di trance, i segni di rilassamento fisico e mentale, il rallentamento nelle risposte o i fenomeni che caratterizzano la profondità della tran­ce; attribuiva invece valore a “la perdita di orientamento nei confronti della realtà esterna e lo stabilirsi di un nuovo orientamento nei confronti di una realtà concet­tuale astratta”.

Concezione relazionale della trance

Il secondo punto, conseguente al primo, è relativo alla trance ipnotica come fenomeno relazionale. L’induzione ipnotica – il processo mediante il quale l’ipnotista evoca in una persona lo stato ipnotico – è un’esperienza diadica, frutto di una interazione reciproca tra ipnotista e soggetto, e non un fenomeno eterodiretto, legato a particolari tecniche o poteri dell’ipnotista.
Questa ipotesi interattiva trova conferma nei correlati neurofisiologici dell’ipnosi analizzati da Eva Bányai (1989), la quale ha rilevato una stretta corrispondenza tra il tracciato EEG (Elettroencefalogramma) e EMG (Elettromiogramma) dell’ipnotista e del soggetto che sviluppano la relazione di trance. Ciò significa che le due persone si sintonizzano (tuning in) ed entrano in una maggiore risonanza emotiva.
L’esclusività della relazione ipnotica viene indicata con un termine specifico: rapport. Il rapport è definito da Erickson come “lo stato in cui la concen­tra­zio­ne e la consapevo­lezza del soggetto sono dirette unicamente sull’ipnotista e su quanto l’ipnotista desi­dera inserire nella situazione di trance, con l’effetto di dissociare il soggetto stesso da ogni altra cosa”. Questa definizione può far pensare ad un soggetto ipnotizzato succube dell’ipnotista; in realtà a) lo stato di concentrazione sulla voce dell’ipnotista è frutto di fiducia e collaborazione, b) la persona in ipnosi è sempre cosciente e sempre padrona del proprio linguaggio e delle proprie azioni.

Per quanto riguarda i due giovani personaggi maceratesi che ormai ben conoscono l’ipnosi, il primo di cui vorrei parlare è Carlo Marchionni, di cui Matteo ha scritto proprio oggi. Come accenno nella prima e unica pagina di un blog che io e Carlo abbiamo aperto come testimonianza di un percorso sperimentale condotto insieme (http://ericksong.blogspot.com/), l’improvvisazione musicale e l’ipnosi sono due discipline che possono dialogare e trovare reciproco giovamento. Io e Carlo abbiamo trascorso molto tempo a studiare i fenomeni di trance spontanea che si producono nel musicista impegnato in una performance di improvvisazione e abbiamo cercato di utilizzarli e indirizzarli attraverso la pratica dell’autoipnosi (ottenendo dei buoni risultati).
Il secondo giovane e “ipnotico” personaggio maceratese (non in ordine di importanza) è Matteo Mercuri, giovane campione di Tiro a volo (di cui Mat ha scritto sul Carlino: http://svegli.blogspot.com/2006/04/ipnosi-e-sport-tiro-volo-matteo.html ) che usa l’ipnosi per evocare e mantenere uno stato di concentrazione ottimale in pedana, durante le gare di Compak Sporting. L’ipnosi è una disciplina entusiasmante e sorprendente, che offre la possibilità non solo di curare disturbi mentali e psicosomatici, ma anche di sfruttare al meglio alcuni nostri talenti personali.

by Matteo Zallocco

Kickboxing e jazz maceratese

June 19, 2006, 11:39 pm

Giovani maceratesi alla ribalta

Image

Eleonora Ciarlantini

La scorsa settimana, all’Eur di Roma, la Kick Boxing Macerata ha conquistato il titolo tricolore femminile e maschile. Eleonora Ciarlantini, iscritta alla più frequentata comunità maceratse online, per il secondo anno consecutivo si è laureata campionessa italiana nella categoria 50 kg. La fascia tricolore maschile è invece andata a Shala Alban, 24anni, nato in Kosovo,ma cresciuto e residente a Macerata. Grande soddisfazione per l’allenatore Mirko Montecchiari e tutto il Kick Boxing Macerata.

Image

Carlo Marchionni

Amico del nostro psicologo Roberto e di altri componenti del sito, Carlo si era recentemente esibito con il re del jazz Lee Konitz. E ora altri giorni pieni di appuntamenti importanti per il giovane batterista maceratese che domenica ha suonato all’”Auditorium Parco della Musica” di Roma, uno dei luoghi più importanti a livello internazionale.
Marchionni ha suonato jazz con gli stessi musicisti con cui si era recentemente esibito insieme al grande Lee Konitz, Simone Maggio al pianoforte e Federica Michisanti al contrabbasso. Domani Carlo si esibirà a Parigi assieme al trio di Simone La Maida. Il 23, 24, 25 giugno tornerà a Macerata invitato dagli organizzatori del “Premio Nazionale Massimo Urbani” a suonare in occasione di Musicultura. Marchionni suonerà con dei giovani talenti italiani che hanno partecipato alle precedenti edizioni del premio. Complimenti anche a lui.
www.carlomarchionni.com per saperne di più.

Segnalateci i giovani maceratesi che si stanno mettendo in luce…
Ogni settimana parleremo di due di loro su Cronache Maceratesi.

by Matteo Zallocco

Musicultura Festival

June 18, 2006, 6:21 pm

Dal prossimo fine settimana lo Sferisterio torna a splendere e ad illuminare Macerata. E ad inaugurare la stagione – prima della lirica e dei vari concerti – sarà Musicutlura Festival. Intanto mercoledì (ore 22) in piazza Cesare Battisti si terrà lo spettacolo di presentazione degli otto finalisti (Giuseppe Anastasi, Antiquasaxa, Davide De Gregorio, Fabryka, Marco Fontana, Gianluca Massironi, Oz, Beppe Stanco). Presentano: Gianmaurizio Foderaro e Carlotta Tedeschi, conduttori Radio 1 Rai

.

Il programma degli ospiti confermati per la XVII edizione del Musicultura Festival, la seconda nella splendida cornice dello Sferisterio. Come ormai di tradizione, è possibile qualche sorpresa dell’ultimo minuto.

VENERDI 23 GIUGNO Prima Finale: Antiquasaxa, Marco Fontana, Fabryka, Gianluca Massaroni Ospiti: Claudio Baglioni, Funk Off, Amedeo Minghi Ron con Simona Bencini e Nair, Clem Sacco, Daniele Silvestri, Charlie Wood.[/b]

SABATO 24 GIUGNO Seconda Finale: Giuseppe Anastasi, Davide De Gregorio, Oz, Beppe Stanco Ospiti: Carmen Consoli e i Lautari, Simone Cristicchi, Roberto Kunstler e Margherita Buy, Fiorella Mannoia, Pietra Montecorvino, Nada

DOMENICA 25 GIUGNO Finalissima (vi accedono i due vincitori più votati di ciascuna delle due precedenti serate) Ospiti: Lucio Dalla con i Nu-Ork Quintet, Mondine di Novi di Modena, Mongolian State Morin Khuur Ensemble, Quintorigo, Ennio Rega e Flavio Bucci, Mario Venuti e Niccolò Fabi.

Tanti anche gli appuntamenti pomeridiani a corollario dello spettacolo serale: reading poetici, incontri con gli autori, performance artistiche e musicali, che si inseguiranno e si passeranno il testimone in una staffetta di Parola, Musica e Voce per il centro di Macerata. Da quest’anno Musicultura Festival, oltre agli speciali su Rai Due e alle differite su Rai Sat, sarà trasmesso in tutto il mondo grazie a Rai International.

Il tutto sotto la sapiente direzione artistica di Piero Cesanelli che, qualche giorno fa, venuto in redazione, ha ammesso: “Con l’approdo allo Sferisterio Musicultura ha fatto un grande salto di qualità. Del resto fino a due anni fa lo spettacolo si teneva in una Bocciofila”. Un boccone amaro (quello del trasferimento) che Recanati non ha ancora mandato giù.

by Matteo Zallocco

Le televisioni di tutto il mondo scoprono secondopiero.com

June 15, 2006, 9:20 pm

Cosa sta guardando Mariana? Sportello Italia… la puntata del 14 giugno 2006, non lo avete ancora visto?. Il “curatore tecnico” (ma non è un po’ riduttivo? ) di secondopiero.com sembra nato per stare davanti alle telecamere. Il nostro Franz, alias Francesco Cittadini da Sambucheto (ora non facciamo gli snob e diciamo Recanati…) ha spiegato la storia del sito, come è cambiato nel tempo e cosa rappresenta oggi a distanza di quasi due anni per tutti gli utenti maceratesi e non. Vicino alla bellissima e simpaticissima conduttrice Francesca Alderisi (non ci crediamo che non sapeva dov’era nato Leopardi…) il direttore ha fatto un gran bel figurone e l’ha fatto fare a tutto il sito davanti a ben 30 milioni di spettatori. E’ andata in onda ieri – a distanza di quasi un mese dalla registrazione – la puntata di Sportello Italia che ha visto come protagonista il nostro sito. Questo grazie a Mariana e Paula che in occasione del loro primo anniversario online hanno voluto segnalare il sito alla redazione di Rai International, che si è incuriosita e ha deciso di dare spazio alla più frequentata comunità maceratese online. Accompagnato agli studi di Saxa Rubra da Andrea, Francesco ha avuto anche il merito di portare il nome di Macerata in giro per tutto il mondo. Aspettando altri nuovi utenti dall’estero (intanto sono appena arrivate email dal Venezuela e dalla Thaillandia) invitiamo anche Francesca (Cronache Maceratesi non poteva non parlare di questo evento) a lasciare un commento sulla nostra community. Per noi sarebbe un grando onore. Ovviamente in attesa di http://www.secondofrancesca.com. Perché le ragazze hanno bisogno di un leader per contrastare Piero… Matteo e Giovi

Ed ecco alcune immagini della trasmissione del 14 giugno 2006.

Grazie Rai International, Grazie Sportello Italia!

by Matteo Zallocco

Rimani, una storia che non ti fa andar via

June 13, 2006, 7:32 pm

Image

Ho letto questo libro un po’ per caso qualche mese fa e poi ho avuto il piacere di conoscere l’autrice. Silvia Roganti, 24 anni, di Casette Verdini di Pollenza, ha scritto un romanzo brillante con storie di ragazzi di provincia alle prese con le prime sfide della vita. Storie di amore, amicizia e anche rapporti familiari scritti con grande passione ed efficacia. A me il libro ha catturato e leggerlo è stato davvero un piacere. Anche per questo quando oggi Silvia mi ha detto che il romanzo ha avuto un successone ed è già arrivato alla terza ristampa non mi sono sorpreso. Complimenti!
Sempre più persone stanno conoscendo Borgodoro…
“Rimani” di Silvia Roganti, Aletti Editore, Collana “Gli Emersi”.

by Matteo Zallocco


giugno: 2006
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

CM Reporters

Giovi, Matteo Zallocco

CM Photo Album

Piscina,agriturismo il Frutteto

gianna e silvia

da Montalto (MC)

Altre foto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a questo indirizzo e saranno subito rimosse.

Statistiche

  • 46,547 visite