La minestra del Leopardi

October 5, 2006, 12:01 am

Del celebre poeta e delle sue passioni e preferenze alimentari abbiamo già parlato su Cronache Maceratesi, le uova pasquali, i fichi secchi, i dolci e i celebri confetti abruzzesi. Sulla base delle numerose testimonianze, si può affermare quindi che Giacomo Leopardi fosse un buon conoscitore dei prodotti della sua terra.Ne ricordava i piu’ graditi nelle lettere alla sua famiglia e in una di queste si sofferma sul giorno della festa della “Bragiola” .In quell’occasione, i Leopardi offrivano a tutti i bisognosi, un pasto abbondante per sfamarsi. Negli ultimi anni diventò particolarmente goloso a Napoli, anche grazie all’amico Ranieri che gli inviava dei sorbetti dal caffè Pinto. Come tutti anche lui oltre a piatti particolarmente graditi, nutriva avversione verso qualche ricetta. Chi non ne ha? magari qualche ricordo sgradito nato quando eravamo ancora piccoli. O un piatto che eravamo costretti a deglutire. Per il Leopardi era da aborrire una certa minestra che gli veniva imposta, un piatto che decisamente detestava al punto da dedicargli queste righe: A morte la minestra”

A morte la minestra

Metti, o canora musa, in moto l’Elicona e la tua cetra cinga d’alloro una corona. Non già d’Eroi tu devi, o degli Dei cantare ma solo la Minestra d’ingiurie caricare.

Ora tu sei, Minestra, dei versi miei l’oggetto, e dirti abominevole mi porta gran diletto.

O cibo, invan gradito dal gener nostro umano!

Cibo negletto e vile, degno d’umil villano! Si dice, che resusciti, quando sei buona, i morti; ma il diletto è degno d’uomini invero poco accorti! Or dunque esser bisogna morti per goder poi di questi benefici, che sol si dicon tuoi?

Non v’è niente pei vivi? Si! Mi risponde ognuno; or via su me lo mostri, se puote qualcheduno; ma zitti!

Che incomincia furioso un tale a dire; ma presto restiamo attenti, e cheti per sentire: “Chi potrà dire vile un cibo delicato, che spesso è il sol ristoro di un povero malato?”E’ ver, ma chi desideri, grazie al cielo, esser sano deve lasciar tal cibo a un povero malsano!

Giacomo Leopardi

E voi, avete una ricetta, un prodotto abominevole e disgustoso che ricordate?

Fonte Tool per l’immagine: Util e inutil

by giovi

Annunci

ottobre: 2006
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

CM Reporters

Giovi, Matteo Zallocco

CM Photo Album

Piscina,agriturismo il Frutteto

gianna e silvia

da Montalto (MC)

Altre foto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a questo indirizzo e saranno subito rimosse.

Statistiche

  • 46,535 visite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: