A cena con i finger foods

October 19, 2006, 3:22 pm

La nomenclatura alimentare si è arricchita di nuovi termini negli ultimi anni La crescente attenzione per aspetti salutistici, ci ha portato a conoscere il significato di alimenti funzionali o functional foods, probiotici, prebiotici e nutraceutici. In relazione al modificarsi degli stili di vita e delle abitudini e consumi alimentari, altri termini anglosassoni fanno l’ingresso nel gergo alimentare e non solo per gli addetti ai lavori. Se fate uso di piatti pronti, pizze surgelate, risi e minestre in busta o brick, insomma vi piace che tutto sia pronto in 5 minuti, fate parte di quel 60% degli italiani che dichiarano di scegliere e consumare regolarmente cibi precotti o pasti sostitutivi, i cosiddetti ready meals, siete in poche parole un consumatore stir-fry: mescola e friggi. Lo dice una indagine di Salute di Repubblica (Tecnofood,quando in cucina e a tavola trionfano le soluzioni rapide, 28 Settembre 2006). Circa il 70-80% dei prodotti che acquistiamo abitualmente è fabbricato dall’industria alimentare che propone sempre in quantità maggiore questi piatti che occupano un posto di rilievo nel carrello della spesa. E tra i nuovi termini entrano anche i finger foods che tradotto significa letteralmente cibo da mangiare con le dita, una nuova tendenza inglese d’importazione, un modo diverso di mangiare e di stare insieme. Sono presentati per l’Happy hour e l’aperitivo, ma non solo. L’ndustria li propone anche per la ristorazione collettiva, come fuori-pasto e per l’alimentazione domestica per quei consumatori che vanno di fretta e non vogliono perdere troppo tempo a cucinare. Si tratta in genere di prodotti a base di patate e carne avicola, con o senza formaggi incorporati e addensanti al seguito. Tutte le principali aziende alimentari hanno prodotti in catalogo. Se dico Magic Hot-Dog, Magic Zoo, Magic ABC, Patapollo, Chicken stick, Crokette, magari pensate che siano proposte di un fast food, invece tutto ciò è concepito a pochi km da Macerata-Sono le proposte che si collocano nel settore dei piatti pronti e finger foods della maceratese Fileni quarta azienda nazionale per il settore avicunicolo. Sono tornata quindi a curiosare nei contenuti del sito aziendale. Oltre ai finger foods, non mancano le iniziative promozionali e in palio ci sono suonerie, wall papers e true tones per il vostro telefonino. E cosa veniamo a sapere? Che uno di questi prodotti, il Patapollo, è stato segnalato al concorso “Cibus of the year 2006come miglior piatto pronto e che ne è stato studiato attentamente il packaging: un bag colorato che ricorda il sacchetto delle patatine. Incuriosita cerco maggiori informazioni ma il sito come avevamo già notato in precedenza, non ci fa sapere gli ingredienti dei prodotti ed è assente la loro etichettatura. E dire che l’obiettivo dichiarato dell’azienda è di “innovare il comparto delle carni bianche e di rispondere alle moderne esigenze di praticità, servizio, risparmio di tempo senza dimenticare il gusto. Se i nuovi prodotti –come si dichiara- sono leggeri e equilibrati, e soddisfano il palato e la vista e sono una gratificazione come insegna la tradizione eno-gastronomica, perché non scrivere come vengono prodotti? E quali sono gli ingredienti? Una questione di trasparenza nei confronti dei consumatori.

Fonte immagine: memorymaker.co.uk

by giovi


ottobre: 2006
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

CM Reporters

Giovi, Matteo Zallocco

CM Photo Album

Piscina,agriturismo il Frutteto

gianna e silvia

da Montalto (MC)

Altre foto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a questo indirizzo e saranno subito rimosse.

Statistiche

  • 44,880 visite

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: