Gamberi in libreria

November 30, 2006, 12:49 pm

Vi apro le porta di casa mia per mostrarvi una parte della mia libreria, quella dedicata ai libri di ricette, di storia dell’alimentazione, curiosità e aspetti culturali. Una passione iniziata tanti anni fa. Poi da una parte ci sono le riviste di cucin, i mensili che ho acquistato per molti anni, come Cucina Italiana e il Gambero Rosso di cui ho iniziato a seguire poi anche i siti internet. Sono stata per molti anni una avida lettrice di questi mensili. Leggo sul blog Papero Giallo di Stefano Bonilli che il Gambero Rosso è uscito per la prima volta il 16 dicembre 1986, venti anni fa, come supplemento del Manifesto. Da allora il Gambero Rosso, è diventata casa editrice, ha pubblicato guide dei vini e ristoranti, un mensile Gambero Rosso, un canale televisivo fin dal 1999, Rai Sat Gambero Rosso Channel e ha fondato la Città del gusto. Il marchio è depositato per le principali categorie merceologiche in Italia, Europa, Usa, Giappone e in altri stati ed è identificato come marchio di rilevanza e notorietà internazionale. Nessuno per parecchi anni aveva usato il titolo gambero seguito da un colore o da un aggettivo, quindi ho seguito con curiosità nel 2005, l’ingresso in libreria anche di altri gamberi: Gambero Nero e il Gambero rozzo. Il primo di Michele Marziani e Davide Dutto, è un libro fotografico e un ricettario allo stesso tempo per raccontare la vita quotidiana dei detenuti di un carcere piemontese. Tra privazioni, il cibo diventa un momento in cui affermare i propri gusti, un modo per ricordare gli affetti, trasmettere agli altri le proprie conoscenze. Il risultato è un ricettario nel quale confluiscono piatti, sapori e metodi provenienti da tutto il mondo.

Diversamente il Gambero rozzo: Guida alle osterie e trattorie d’Italia. Più che una questione di etichetta è una questione di forchetta. è stato ideato da Carlo Cambi che propone osterie e trattorie in cui mangiare bene spendendo il giusto L’auore è stato giornalista fondatore e direttore per 8 anni de “I Viaggi di Repubblica” e maceratese d’adozione ora è docente di Teoria e Politica del Turismo presso l’università di Macerata. Cambi nel 2006 ha fatto non solo il bis, ha voluto affiancare al Gambero Rozzo 2007 anche il libro “Le Ricette e i Vini del Gambero Rozzo 2007”. La redazione degli ultimi testi di entrambe le guide è stata affidata alle due più strette collaboratrici di Carlo Cambi: Petra Carsetti, promoter del territorio, e Maria Stefania Gelsomini, giornalista specializzata in beni culturali, territorio ed enogastronomia. Con la presentazione ufficiale della nuova guida è stata annunciata anche l’intenzione di aprire un sito internet che permetterà di dialogare con l’autore.

Leggo che Carlo Cambi e la Newton Compton, casa editrice del Gambero Rozzo, sono stati chiamati dal Gambero Rosso a discutere in tribunale perché si afferma che il titolo di una guida di ristoranti che sia composto dalle parole “gambero rozzo” non può rimandare che al marchio storico. Tutto ciò -sono parole del Direttore Bonilli- l’uso del titolo Gambero Rozzo, nel diritto italiano, si chiama appropriazione di marchio altrui, deviazione di clientela e concorrenza sleale.

La storia è appena iniziata e vedremo quale sarà il seguito. Capisco gli interessi economici legati al settore ma litigare sulle guide? sulle recensioni? No, io continuerò a leggere e a cucinare, a provare ricette prese da un libro o da una rivista. Mangiare e leggere in fondo si assomigliano, si può avere fame di cultura, si può gustare,piluccare o divorare un libro. E il libro stesso può essere leggero, invitante o pesante,perfino indigesto, come una pietanza mal cucinata.

by giovi

1 Response to “Gamberi in libreria”



  1. 1 Gamberi in libreria « NotOnlyCurriculumVitae Trackback su 2 gennaio 2012 alle 18:46
Comments are currently closed.



novembre: 2006
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

CM Reporters

Giovi, Matteo Zallocco

CM Photo Album

Piscina,agriturismo il Frutteto

gianna e silvia

da Montalto (MC)

Altre foto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a questo indirizzo e saranno subito rimosse.

Statistiche

  • 44,850 visite

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: