Archivio per maggio 2007

European tastes a Macerata

May 31, 2007, 7:21 am

Aperitivo al Bar Maracuja

Se dico sangria e paella che Stato europeo vi viene in mente? La Spagna.
E se dico gulasch? Ungheria.
E dove si consumano feta e tzatziki? In Grecia.
E lingua di manzo, insalata di aringhe? Un paese dell’est Europa come la Lituania?

Bravi! sono alcuni dei prodotti che è stato possibile degustare a Macerata in occasione della recente manifestazione “Caffè Europa” un percorso alla scoperta di ricette, vini e altre bevande alcoliche del vecchio continente in collaborazione con i bar e i caffè di Macerata. Promotrice dell’evento, in occasione della Festa d’Europa 2007, è stata l’associazione culturale Strade d’Europa“. L’associazione opera nel campo della promozione culturale e dell’educazione rivolta ai giovani, basandosi sui principi di interculturalità, integrazione e sensibilizzazione alla cittadinanza attiva. Si è pensato di sfruttare l’idea dell’aperitivo, tipico modo di stare insieme italiano, per mescolare e far incontrare tra loro, usanze, tradizioni e sapori europei… La manifestazione è stata organizzata in collaborazione con il Comune di Macerata che ha supportato economicamente l’evento. 29 i bar maceratesi che hanno aderito e sono stati rappresentati in tutto 20 Stati.

Ogni bar che ha partecipato, ha potuto gestire in maniera autonoma l’iniziativa e alcuni hanno collaborato attivamente ed hanno capito lo spirito e il senso dell’evento” ci raccontano le animatrici della manifestazione. Dalla Francia sono stati ordinati vini e formaggi francesi e sono state cucinate specialità tipiche tra cui le celebri omelette. A rappresentare l’Austria sia vini austriaci, salse tipiche e la torta sacher. Salse e stuzzichini inglesi oltre una varietà di birre ordinate appositamente rappresentavano il Regno Unito. Chi ha voluto avvicinare le usanze estoni lo ha potuto fare durante una “cena” con diversi tipi di insalata russa, e da bere ovviamente non solo birra ma anche vodka. E poi vini dalla Slovenia e stuzzichini tipici. Uova sode con alici dalla Svezia, birra e caffè dall’Olanda.

La maggior parte dei proprietari dei vari bar ha espresso l’impegno di ripetersi il prossimo anno e anche per più giorni. Questo anche in considerazione del gradimento del pubblico a cui erano rivolte anche pubblicazioni e materiale divulgativo distribuito presso i vari locali… Per seguire le future iniziative dell’Associazione Strade d’Europa è stato attivato un blog che trovate a questo indirizzo: stradedeuropa.blogspot.com/.

Arrivederci allora tra un anno per il Caffè d’Europa 2008 e grazie alle ragazze dell’associazione “Strade d’Europa” per averci messo a disposizione le foto scattate in giro tra i locali.

Aperitivo inglese al Faber caffè.


Gulash ungherese al Roxy Bar

And now in English.Thanks to Google translate!

If I say sangria and paella which European country comes to you in mind? Spain. And if I say gulasch? Hungary. And where are consumed feta and tzatziki? In Greece. And language of manzo, insalata of herrings? A country of the east Europe like the Lituania? Very Good! they are some of the products that it has been possible to taste to Macerata in occasion of the recent manifestation “European Coffee” with wines and other alcoholic drinks of the old continent in collaboration with the bars and puns of Macerata. The event has been organized by the cultural association “Roads of Europe” in occasion of the Festivity of Europe 2007. The association operates in the field of the cultural promotion and the education turned to the young people, being based on the principles of interculturalità, integration and sensibilizzazione to the active citizenship. The manifestation has been organized in collaboration with Comune of Macerata that supported economically the event. 29 bars have joined and 20 european States have been represented. “Every bar that has participated, has collaborated actively and has understood the spirit and the sense of the event”. From France arrived wines and French cheeses and typical specialties have been cooked as omelette. To represent Austria there were Austrian wines, typical sauces and the cake sacher. English sauces and stuzzichini beyond a variety of beers represented United Kingdom. People interested to approach the customs from Estonia had this opportunity during one “supper” with various types of Russian insalata, and to drink obviously not only beer but also vodka. And then wines from the Slovenia and a loto of stuzzichini. Hard eggs with alici from Sweden, beer and coffee from Holland.

The greater part of the owners of the several bars has expressed the engagement to repeat the next year and also in order more days. This also in consideration of the gradimento of the public. Papers have been distributed. In order to follow the future initiatives of the Association Roads of Europe it has been activated a blog that found to this address: stradedeuropa.blogspot.com.

Good bye between a year for the next Coffee of Europe 2008 and thanks to Annalisa and Martha of the association “Roads of Europe” for the photos.

by giovi

Marco Massimo Bastò, l’ultimo gladiatore

May 30, 2007, 2:16 pm

…Così sicuro di sè da potersi permettere di combattere con gli occhiali da sole.
Image
Fotomontaggio realizzato dalle nostre artiste argentine Mariana e Paula per la prima collaborazione tra CM e Homoblog.

Nome: Marco
Cognome: Guadagnoli
Data e luogo di nascita: 7 ottobre 1983, Macerata

Professione: studente (ci provo) laureando (finalmente) in discipline della mediazione linguistica di Civitanova
Due aggettivi per autodefinirti:
direi due aggettivi agli antipodi ed estremi. Serio e un pò pazzo. Riesco ad essere pazzo pur mantenendo un pò di serietà e viceversa. (Tanto per la cronaca anche permaloso, eh eh).

Image
Nella sua Fiastra.

Qualcuno sostiene che sei uno dei migliori chitarristi di Macerata, concordi?
Naturalmente si, ah ah! A parte gli scherzi, se parliamo di chitarristi giovani, fino ai 25 anni, probabilmente potrei battermela con quasi tutti, poi ci sono chitarristi più grandi e esperti di me con cui non c’è storia. Sono stato definito così anni fa perché diciamo sono stato uno dei primi giovani a Macerata a proporre un certo stile di musica e di chitarrismo virtuoso. Comunque non dimentichiamoci che ho vinto il premio miglior chitarrista al disco d’oro. Ebbene si, sono il miglior chitarrista della sagra de lu ciammellottu!

Oltre a te chi sono i più bravi in città?

Di giovani non mi viene in mente nessuno al momento che mi abbia lasciato a bocca aperta. I primi che mi vengono in mente sono chitarristi esperti come Solarino e Nazzareno Z. (non mi ricordo il cognome ma è quello che lavorava da Principi e suonava con i Meridiano Zero), che sono comunque chitarristi con uno stile completamente differente dal mio.

Da quanto tempo suoni, quali sono i tuoi generi musicali, i tuoi gruppi, e i tuoi chitarristi preferiti?
Suono da quando ho 10 anni, quindi sono quasi 14 anni. Io amo il classico heavy metal di Iron Maiden, Judas Priest e Metallica e l’hard rock anni ’70 di Deep Purple, Black Sabbath. Credo di avere una buona preparazione in materia, perciò ora ho citato solo i gruppi più conosciuti altrimenti non basterebbero 10 pagine. I miei chitarristi preferiti sono Paul Gilbert (Mr.Big), Yngwie Malmsteen, Jason Becker, Zakk Wylde, Ritchie Blackmore. Diciamo sono i chitarristi ai quali ho cercato di rubare qualche tecnica… :)

Image
Sul palco con i Liwing Wreck.

E’ vero che dalle nostre parti non è facile trovare posti dove suonare? Secondo te quali sono gli ostacoli?
Non è facile? E’ impossibile direi! Ormai con l’avvento dei dj sono sempre di meno i locali che propongono musica live. Il dj costa di meno di un gruppo, occupa meno spazio, fa meno casino e fa la musica che dice il locale. Con i gruppi, se il locale non è adatto, ci possono essere un sacco di problemi a livello di suono e di spazio e il pubblico non sempre apprezza un pò di rumore in più! Anche qui si potrebbe aprire un parentesi sul pubblico Maceratese, forse uno dei peggiori pubblici. A parte gli scherzi, qui sono tutti buoni a criticare prima di fare i complimenti. Puoi anche fare il miglior concerto della tua vita ma la prima cosa che ti dicono “ma la voce si sentiva poco!”, “quella canzone non è così”, “il suono era brutto”. Ho suonato di recente a Forlì e posso assicurarti che nonostante ci sono stati errori durante il concerto, erano tutti li a ballare e cantare e a chiedere il bis alla fine, cosa che succede raramente qui.

Da quanto tempo suoni con i Living Wreck e con quali altre band hai suonato?
Con i Living Wreck suono ormai da quasi 5 anni, precedentemente ho suonato con gli Ancient Sky per circa 3 anni, con i Release per altri 3 anni e con molte altre band della zona con le quali qualche soddisfazione me la sono tolta, perché, nonostante fossi molto giovane all’epoca (ho cominciato a suonare dal vivo a 13 anni) ho suonato in davvero molti posti sia della provincia che della regione. Bisogna pure dire che 10 anni fa, non c’erano tutti questi gruppi a Macerata perciò la possibilità di suonare era molto superiore.

Image

Cosa ti piace e cosa non ti piace della città di Macerata?
Macerata è sicuramente una delle città più benestanti e tranquille d’Italia. Si sta bene, si vive bene, e per quanto se ne dica, ci sono molte belle ragazze! Forse è questa tranquillità che ci rovina un pò. Se me l’avessi chiesto 2 anni fa ti avrei detto un sacco di cose negative in più ma avendo visto come se la passano da altre parti d’Italia, ti dico che non abbiamo granchè da lamentarci. Se qualcuno si fa problemi per le donne di Macerata (e io ero uno dei primi a farmeli fino a tre anni fa) è solo perché non si da da fare per cercare di cambiare la propria situazione e sta li a lamentarsi tutto il tempo senza far niente. Se qualcuno si annoia perché ci sono pochi locali, è solo perché non gliene va di prendere la macchina e farsi qualche chilometro in più e arrivare lungo la costa marchigiana dove ci sono tantissimi bei locali.

Quali sono per te i tre locali più belli della provincia?
Rock Away, Babaloo, e Cayo Coco. Ma nei dintorni, anche fuori provincia, ci sono molti altri chalet che aprono d’estate come il Nero di Sole e il Bounty che sono davvero carini.

Quali sono i comportamenti di una ragazza che proprio non sopporti?
Oddio, quando se la tira naturalmente. Sono molto orgoglioso come tipo perciò se una prova a tirarsela con me passa poco tempo prima che mi giri dall’altra parte e la mandi a fan…. eh eh!

Due aggettivi per definire le ragazze maceratesi? E due consigli per loro?
Belle ma oche! Non sono molto propense al dialogo ad un primo approccio. Bisogna lavorarci molto prima di ottenere qualcosa ma…in fondo a chi piace quando è tutto troppo facile? Siamo masochisti, ce gusta penà, eh eh! Il consiglio naturalmente è di non andare in giro col paraocchi e accennare una faccia anche sorridente e simpatica ogni quando le incroci in giro. Alcune ragazze maceratesi hanno lo straordinario potere di non guardarti mai in faccia anche se le incroci in un rettilineo di un chilometro. Vanno dritte con il muso lungo e sguardo basso. Siate un pò più sorridenti e simpatiche e meno acide.

Image
Il Gladiatore si disseta in un momento di relax.

Tre oggetti che porteresti con te in un’isola deserta?

Una chitarra, un ipod pieno di musica e del cibo…(hai parlato di oggetti…la donna vale come oggetto? eh eh)

Puoi spiegare a tutti l’origine del soprannome Bastò?

Sono più di 10 anni che porto questo soprannome con me, mi ricordo che me lo diede il mio amico Lorenzo (Pimpì) e sinceramente non ricordo il motivo, forse c’era un programma comico all’epoca che diceva questa parola ma non ne sono sicuro. Comunque ci può stare pure che mi sia stato dato per il fatto che all’epoca ero moooolto magro e alto, come un Bastone, eh eh!

L’utente del sito che non hai ancora incontrato e ti piacerebbe conoscere?
Penso di aver conosciuto quasi tutti quelli con cui ho scambiato almeno due battute nel sito. Quelli che non ho conosciuto è perché non ci ho mai parlato e probabilmente non conosco nemmeno l’esistenza. Se ci sarà l’opportunità di conoscere persone nuove ben venga. Ho già fatto delle bellissime conoscenze in questo sito.

La ragazza più bella del sito?

Beh, sarebbe scontato se dicessi Lucia (la mia ragazza) perciò non dico Lucia, ah ah!! Concordo con Michele, Georgia (che forse conosciamo solo io e lui).

Image
Lucia e Bastò.

Paragona tre utenti del sito a tre personaggi famosi.
Questa è tosta…
Allora direi: Guido a Simone Cristicchi (per le somiglianze fisiche naturalmente);
Zak al commissario Montalbano;
Orso Tom a Diego Abatantuono dei tempi cotonati, ah ah ah!

Il tuo pensiero sulla politica? Destra o sinistra?
Sto cercando di sviluppare il mio pensiero politico ma ancora non riesco bene a definirmi politicamente. So che odio ogni tipo di estremismo, sia di sinistra che di destra, e odio i clichè. Non mi piacciono le persone che sbandierano dei pensieri e dei modi di vita come se fosse una moda da seguire. Per esempio è odioso vedere tutti quei ragazzini che vanno in giro con la maglia del Che e con falce e martello disegnata sugli zaini senza sapere neanche chi sia.

Il tuo sport preferito, la tua squadra del cuore e il tuo idolo sportivo?
Mi piacciono tutti gli sport in genere. Ho giocato per ben 8 anni a baseball (a Macerata, strano è?) ed è uno sport davvero fantastico, naturalmente mi piace il calcio e sto godendo come un pazzo per la vittoria del Milan in Champions.
Mi piacciono molto anche il tennis e la pallavolo. Pratico molta palestra e mi diverte davvero molto. Non dimentichiamoci poi dello sport più estremo che esista, il biliardo, ah ah, ah!

Cosa ti ha divertito di più nel girare il film “il Ginepraio”?

E’ stata un’esperienza nuova. Devo dire che non ho avuto molti problemi a stare davanti la telecamera. Non mi dispiace essere al centro dell’attenzione, come ad esempio quando suono dal vivo. Ci vuole solo un pò di faccia da c..o. Davvero divertente e devo dire che il risultato del film è stato davvero notevole. Naturalmente è stato molto divertente anche scrivere tutte le canzoni per la colonna sonora, cimentarsi con generi musicali per me completamente sconosciuti, e registrare il tutto.

Ci anticipi il tuo personaggio nella prossima pellicola…
Ho avuto anche io solo un piccolo anticipo sul mio personaggio, credo che comunque si tratti sempre di un personaggio “cattivo” (dicono mi riesca bene), ma stavolta mi vedrete anche in vesti diverse.

Infine la domanda del pubblico: cosa pensi dell’Università Macerata-Civitanova, la consiglieresti ad uno straniero per un soggiorno Erasmus?
Io la consiglierei vivamente, per vari motivi come ad esempio il fatto che, non avendo la macchina uno studente Erasmus, può muoversi tranquillamente a piedi e trovare tutto quello che vuole. Ho conosciuto molti ragazzi/e Erasmus gli anni passati e non ne ho trovato uno scontento di quello che Macerata offre. Anzi, molti sono addirittura tornati a Macerata dopo la scadenza della borsa di studio Erasmus. Altri motivi sicuramente il cibo (che non è cosa da sottovalutare) e le persone del posto sono molto cordiali nei confronti della gente straniera, eh eh!

by Matteo Zallocco

Paesaggi, arte e tesori nascosti, sette Comuni da scoprire

May 29, 2007, 8:26 pm

Quarto gruppo di Comuni. Potete votare qui. E dite la vostra.

Image
Lassù, su quel cucuzzolo, si può ammirare un panorama stupendo, dal Conero fino al Gran Sasso.
Penna San Giovanni vanta anche l’unico teatro ligneo della provincia.

Image
Pieve Torina (1.394 abitanti) trova la sua ricchezza nella prolifica attività artigianale.

Image
Sant’Angelo in Pontano (1.529 abitanti) ha il suo punto di forza nella sua ristorazione.

Image
Fiuminata (1.610 abitanti), nel suo bel territorio nasce il fiume Potenza.

Image

Belforte del Chienti (1.695 abitanti) è un altro centro caratteristico con una zona industriale (al confine con Tolentino) in continua crescita.

Image
Caldarola (1.818 abitanti) trova nell’arte il suo splendore e quest’anno ospita la mostra su Simone De Magistris, l’evento culturale del 2007 per le Marche.

Image
Petriolo (2.050 abitanti), un Comune con tanti piccoli tesori nascosti da far conoscere.

by Matteo Zallocco

Heidi, il sorriso dei Sibillini

May 25, 2007, 7:12 pm

Proseguono le interviste ai più fighi del web! E’ il turno di Lauretta.

Image

Nome: Laura
Cognome: Nori
Data e luogo di nascita: Camerino, 26/3/1982
Professione: scienziata della comunicazione in attesa di occupazione 🙂
Due aggettivi per autodefinirti: lunatica, solare.

Image

Pregi, difetti, ricordi, fatti e personaggi: parlaci della tua Ussita.
Che dire di Ussita? E’ un paesino sperduto immerso nel verde. Ci ho
trascorso la mia infanzia e, anche adesso, quasi tutti i fine settimana

torno su! Non posso farne a meno!
Mi piace poter immergermi nel verde, lasciare da parte tutti i pensieri e rilassarmi. E’ questo il vero pregio di Ussita, è il posto ideale per staccare la spina. Certo, viverci tutti i giorni non è facile. Ci sono periodi in cui puoi passare tutto il giorno in piazza e non vedere nemmeno una persona. Forse è anche per questo che ho deciso di trasferirmi a Macerata. Sono una persona che ama stare in mezzo agli altri, confrontarmi, affrontare nuove esperienze, avere stimoli e questo a Ussita non sempre è possibile.
Ussita è piena di personaggi strani, c’è il mio vicino di casa che
non è tanto normale e ne ha combinate di tutti i colori.
Per racimolare qualche soldo andava a casa delle vecchiette facendo finta di essere un prete che doveva benedire le case. Si faceva dare un’offerta e se la intascava.

Le differenze con Macerata?

Sicuramente il differente modo di pensare.
Ussita è un paesino piccolo, di montagna, e come succede spesso in
queste realtà, la mentalità di chi ci vive (e ha vissuto sempre lì) è un pò chiusa. Quando il mio ragazzo (che ha i capelli rasta) è venuto per la prima volta a trovarmi, ha dovuto subire la radiografia di tutto il paese.

Image
Lauretta con sangria, Sergio e friends a Barcellona.

Quali sono secondo te i tre posti più belli delle Marche?
L’estate scorsa sono stata in vacanza con il mio ragazzo in giro per
le Marche in tenda. E’ stato bellissimo! Mi sono innamorata della
parte vecchia di Grottammare.
Poi mi piace un sacco Castelfantellino e per terzo direi Serrapetrona,
siete mai stati alla sagra della vernaccia?

E i tre locali della provincia che preferisci?
La pizzeria Wanted di Visso dove mangi benissimo e spendi
pochissimo; il Faber Cafè di Macerata per l’ambiente, la cordialità e la birra buonissima; il bar Diamante di Recanati per gli aperitivi.

Cosa manca secondo te a Macerata a livello di divertimenti?
In questi anni Macerata ha perso parecchio a livello di
divertimento. Ma sono sempre dell’opinione che per divertirsi e stare bene non è importante il locale, ma le persone che si hanno intorno.
Quello che ho notato è che i ragazzi di oggi invece sono diventati
molto più esigenti: pretendono il locale figo, la discoteca in un certo

modo, sono sempre un pò scazzati.

La serata più bella che hai trascorso qui in questi anni di Università?
La prima che mi viene in mente è la festa delle donne dell’anno scorso
trascorsa al Link con i miei amici. Mi sono divertita da matti!
Sarà stata la musica, i vari pampero e pera, i miei amici fuori di
testa, ma è stata una serata mitica.

Meglio il mercoledì sera alle 4 Porte o il giovedì da Venanzetti?
Non mi piace l’ambiente delle 4 Porte il mercoledì, preferisco
sicuramente il Venanzetti, anche se rimpiango il Link.

Image
Lauretta a Pisa.

Di solito come trascorri il sabato sera?
Solitamente torno a Ussita e passo la serata con i miei amici che, come me, vivono o studiano fuori. Una birreta, quattro chiacchiere o un salto nei paesi più vicini con un pò più di gente tipo Camerino o Tolentino.

Cosa pensa invece di Macerata Marta, la tua coinquilina portoghese?
Lei è molto diplomatica….risponderebbe con una sola parola
“carina”.
Scherzi a parte, di Macerata adora tutti i vantaggi di una città così
piccola, ma ha molta nostalgia della vita e della cultura di Lisbona.

Come ti sei registrata alla comunità maceratese online? Te ne aveva parlato qualcuno?
Dovevo scoprire se lo Spark (altro locale che mi piace un sacco) era
chiuso di lunedì sera. Sono andata su google e ho digitato spark. Tra le varie pagine ce ne era una tratta dal sito di secondopiero. Era un post in cui si parlava dei locali di Macetata. Incuriosita ho iniziato a leggere e mi sono registrata immediatamente.

Un utente del sito che ancora non hai conosciuto di persona e ti piacerebbe incontrare?

Sono incuriosita da AmicoSam.

Che musica ascolti? Quali sono i tuoi gruppi preferiti?
Dipende dal mio stato d’animo.
Ultimanente mi è ripresa la fissa per la Bandabardò.

E tra le band delle nostre parti chi ti piace?
Io e i gomma gommas che riprendono canzoni vecchie e le rifanno in
chiave ska punk; Lor’ randal, che fanno musica celtica e i
Diabolico Coupè perchè ormai sono diventata una loro fan.

La tua più grande paura?
Svegliarmi una mattina e accorgermi di essere rimasta sola.

La nazione più bella che hai visitato e quella che vorresti visitare?
Dopo otto mesi passati a Barcellona, direi la Spagna senza ombra di
dubbio. Vorrei tanto visitare Praga.

Ci racconti la serata che avete trascorso recentemente a Macerata assieme a Simone Cristicchi?
Che dire? La mia coinquilina è amica di un ragazzo che suona con
Cristicchi. La settimana scorsa era previsto un concerto a Sarnano, così una sera (dopo le prove) hanno deciso di fare un giro a Macerata. La mia amica ha ricevuto la telefonata dal suo amico e dopo mezz’ora eravamo tutti al Faber a prenderci una birra.
Cristicchi è una persona dolcissima, mi è piaciuto un sacco.

Infine, la domanda del pubblico: cinque cose che non sappiamo di te in dialetto maceratese-ussitano o similia…
Ma Ussita non ha un suo dialetto, parlano tutti romano…

by Matteo Zallocco

Dove sarò domani?

May 23, 2007, 7:22 pm

Sarò a Macerata all’Istituto ITAS “Padre Matteo Ricci”, per presentare la pubblicazione “Dall’Orto alla Tavola” che ho curato per l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Marche. Il libro tratta aspetti nutrizionali, filiere produttive, frutti antichi, curiosità, prodotti ortofrutticoli del territorio marchigiano e proposte didattiche per gli studenti. Ci sarà anche Letizia Saturni che ha lavorato con me nella stesura dei testi. Annunciata la presenza di Paolo Petrini-Assessore all’Agricoltura Alimentazione e Pesca della Regione Marche.

Edit: Scatti e comunicati stampa riguardanti le presentazioni nella scuola di Macerata e Porto S.Elpidio (AP).

Created with Paul’s flickrSLiDR.

by giovi

Altri sette gioielli del Maceratese

May 22, 2007, 12:24 pm

Ecco un altro gruppo di Comuni che contribuiscono a rendere speciale la nostra provincia. Hanno tutti circa 1.000 abitanti. Potete votarli qui, i primi due classificati accederanno alla semifinale.

Image
Pioraco (1.206 abitanti) è il Comune con i nomi più pazzi d’Italia scovati tra le cartiere.
Bellissimo il paesaggio, non a caso veniva chiamato la piccola Svizzera.

Image

Colmurano (1260 abitanti) è noto soprattutto per le gare internazionali di karting e per la manifestazione Artistrada che ogni anno richiama 40.000 persone.
Bellissimo il centro con le viuzzule che ricordano atmosfere dall’antico sapore medievale.

Image

Visso (1.200 abitanti) non ha bisogno di presentazioni. Che fosse un posto speciale l’avevano capito già i Romani, che lo chiamarono Vicus Elacensis (villaggio rispettabile). Anche oggi Visso è un paese di romani
con più della metà delle abitazioni che fungono da seconde case. Natura ed enogastronomia sono i suoi punti di forza.

Image
Serravalle di Chienti (1.141 abitanti) è un Comune che sta rinascendo dopo il terribile terremoto del 26 settembre del 1997. Vastissimo il territorio (95,81 km/q, ben 18 frazioni e 8 contrade) che si trova ai confini con l’Umbria.

Image
Gualdo (914 abitanti) l’ho scoperto il 17 aprile del 2005 quando andai per un servizio sulla frana (lunga due chilometri, larga 400 metri) che allarmò tutto il paese. Un altro piccolo gioiello scoperto dagli inglesi che – come sta avvenendo in diversi Comuni del Maceratese – stanno ristrutturando vecchi ruderi per venirci a vivere.

Image
Muccia (939 abitanti) è uno dei pochi Comuni dell’Alto Maceratese che sta registrando una – seppur lieve – crescita demografica. Questo grazie allo sviluppo industriale (207 aziende e 80 negozi) favorito da una posizione geografica strategica.

Image

Serrapetrona (967 abitanti) è il paese della Vernaccia d.o.c.g., ma anche dell’acqua e dell’aria buona. Si vede però sempre meno gente sulle rive del Lago di Caccamo.

by Matteo Zallocco

Alberto, il terziere dei sogni

May 16, 2007, 7:09 pm

Dopo Guido, Ipnocoppu, Paula, Marcello, Paolo S., Alzata con Pugno e Michele, conosciamo meglio Temple of sirynx.

Image

Nome: Alberto
Cognome: Starnari
Data e luogo di nascita: 20 Febbraio 1978 a Macerata
Professione: Programmatore informatico

Due aggettivi per autodefinirti: sicuramente sportivo (nonostante tra poco festeggio il quintale) e direi anche sognatore.

Image
Alberto (al centro) e friends all’Oktober fest.

Alberto, come si vive a Sambucheto?

Personalmente vivo bene a Sambucheto, il paese è tranquillo e intorno c’è ancora molta campagna dove potersi rilassare.
Nonostante questo, la frazione ha avuto un incremento notevole da quando sono nato ad oggi: questo ha portato con se aspetti positivi, come la nascita di varie attività commerciali e soprattutto un supermercato che molti ci invidiano, ma anche un aspetto negativo, e cioè che non è più un paesino sicuro come prima. Ma il problema maggiore resta l’umidità, la nostra famosa “uazza”.

Una frazione divisa in tre Comuni: Montecassiano, Recanati e Macerata. Cosa ti piace e cosa non ti piace di queste tre città, e quale preferisci?
Si, è vero, e la cosa è molto strana per una frazione così piccola. Io abito sotto la parte di Recanati, e forse è per questo che la reputo migliore. Di Recanati mi piace il centro storico e il “profumo” di poesia che si respira. Purtroppo non ci sono locali all’altezza per noi giovani, da quando il mitico Barfly si è trasferito in Ancona. Ricordo che venivano ragazzi dalla Sicilia per sentire alcuni concerti jazz o blues!
A Macerata sono legato soprattutto per motivi sportivi: ho giocato 4 anni con la Maceratese (giovanissimi, allievi, 2 anni di berretti nazionale) ed un anno con la Dinamo Vis (e si, il campetto sotto a Pistellu).
Questo mi ha permesso di conoscere tanti nuovi amici, ad esempio Rick The Boss, mitico bomber! Ancora oggi è bello passeggiare per Macerata e sentire che ogni tanto qualcuno mi saluta chiamandomi “Lupo”, soprannome che mi hanno dato proprio alla Maceratese.
Non mi piace il modo di atteggiarsi di alcune persone, che si credono Dio solo perchè abitano nel capoluogo. Montecassiano lo frequento ogni fine settimana, da quando un mio caro amico ha preso in gestione il “South Park Bar”. Mi piace molto l’atmosfera estiva, quando ci sono eventi come Svicolando e soprattutto il Palio dei Terzieri, veramente bello.
Non mi piace il fatto che ci sia un pò di astio tra loro e noi, forse perchè, non avendo studiato qui come tanti miei compaesani, non sento tanto la rivalità.

Quali sono secondo te le tre sagre (o feste, fiere, celebrazioni patronali) più belle della provincia?
Beh..nessuno si offenda se dico che la migliore è appunto il Palio dei Terzieri. Mi piace tantissimo, è pieno di giovani, ci sono tante manifestazioni e le gare sono sentitissime. Io appartengo a “lo Terzere de San Nicolò”, che fa la parte della Juventus con i suoi 6 titoli vinti. Colori sociali: Giallo-Blù, cioè quelli di Sambucheto.
Per il resto, non ne conosco molte in provincia, ma sicuramente al secondo posto dico Artistrada a Colmurano. Favolosa! Adoro sia il centro storico con le casette piccole piccole sia gli spettacoli.
E per finire dico una festa: la Montelago Celtic Night. Sono diversi anni che vado e mi piace sempre più, soprattutto per l’affascinante visione notturna e la misticità della musica. Ma che freddo l’ultima edizione..

Image
Temple e Rick the Boss.

I tre posti più belli delle Marche?

Premessa: non sono mai stato ad Urbino e nell’entroterra dell’alto pesarese e tutti me ne parlano bene.
Due posti li avevo già detti sul forum: la Gola del Furlo, riserva naturale tra Fossombrone ed Acqualagna, rifugio estivo di Benito Mussolini, affollatissima in primavera; Ascoli Piceno, la “città delle 100 torri”, un gioiello ai piedi dei Sibillini.
Sono troppo legato alla città di Ascoli, dove ho abitato per qualche settimana e che mi ha dato l’opportunità di migliorarmi come portiere di calcio.
Al terzo posto metto l’entroterra maceratese al confine con l’Umbria.

I tre locali più belli della provincia?
La bellezza è soggettiva, giusto?

Allora dico il Geleò di Morrovalle, storico pub molto caratteristico, dove soprattutto il giovedì sera è strapieno e ci sono concerti veramente interessanti. Il Moon’s di Corridonia, piccolino ma adorabile, dove hanno una conoscenza delle birre e dei malti scozzesi fuori dal comune.
Sono un amante del vino e quindi un’enoteca la vorrei dire, sebbene la provincia da questo punto di vista non offre molto, dico il Decantibus di Pollenza.

E le tre cameriere e/o bariste che ti hanno colpito di più?
Qui casca l’asino.. naturalmente vi dico la cameriera del Geleò, che avrò citato non so quante volte!
Molto accattivante. Al contrario di lei, una ragazza molto carina per la sua semplicità lavora al Decantibus e l’ho notata solo ultimamente. Medaglia di bronzo ad una cameriera vista solo una volta al Virgo, con un tubo alla Paperon dei Paperoni che gli donava molto.. Naturalmente fanno un figurone anche tutte le bariste e cameriere del Babaloo e di alcuni locali del litorale. Attenzione: non dovrei dirlo perchè è la compagna di un mio amico, ma se vi capita di fare un salto nel nuovo bar accanto al Liolà non ve ne pentirete… Mi raccomando, io non vi ho detto nulla, e soprattutto tu Franz non hai letto nulla!!!! :)

Come sono nati il nickname Temple of sirynx e il soprannome Il terziere dei sogni?
The Temples of Syrinx è la seconda parte di una suite del mio gruppo preferito, i Rush. Sia la suite che l’album si intitolano “2112”. La stavo ascoltando proprio mentre mi iscrivevo su SecondoPiero.com e non volendo inserire nè il mio nome nè uno dei miei classici soprannomi, ho scelto al volo questo nickname modificando un pò il titolo della canzone!! Fortuna che non stavo ascoltando “L’era del cinghiale bianco” di Battiato!!!! :)

Il terziere dei sogni nasce da un’invenzione del team Homoblog. Prima ero “il portiere dei sogni”, per via di un sogno “curioso” nel quale io ero in veste di portiere; poi, quando iniziai a scrivere una montagna di post sulla festa dei Terzieri, è uscito fuori un articolo su di me in veste di terzere. Thank You Homoblog!

L’utente di questo sito che non hai ancora incontrato di persona e che ti piacerebbe conoscere?
Tutti mi dicono un gran bene di Luparè, mi piacerebbe molto conoscerlo. Però mi incuriosisce anche GC con i suoi post..

E quello che ti ha fatto più piacere incontrare?

Innanzitutto mi è piaciuto RE-incontrare Rick The Boss.
Poi è stato molto emozionante l’incontro con Mariana, Paula e Giovi una sera a Font Nox.
Ma se devo dirla tutta, due persone mi hanno colpito molto: una è Nick, troppo simpatico!
Una sera in un locale di Civitanova ecco che non mi strozzo con la birra dalle risate!!
L’altra è Marcello, il sommo poeta, perchè in lui ho visto la serenità fatta persona, tranquillo e pienamente in pace con se stesso.

Da quanto tempo conosci Franz, ci racconti un episodio curioso su di lui?
Da quanto tempo? Che ne so..da sempre! Dalla prima elementare? No, forse prima? Boh..da sempre.
Vi dico tre episodi:
1) Una mitica sgaloppata lungo la fascia palla al piede testa bassa alias Cafù terminata contro la recinzione del campo sportivo a linea di fondo campo abbondantemente superata. Non ricordo se era in partita o in allenamento, ricordo solo gli altri giocatori a terra a tenersi la pancia dalle risate;
2) Le mitiche sfide a rugby in spiaggia da lui organizzate: Porto Recanati diventava Twickenham e ci sa dava giù di brutto pur di fare meta;
3) Questa è una chicca: febbraio 1988, mensa delle elementari, lui faceva la quinta e io la quarta; mentre mangiavamo tutto ad un tratto lui si alza, chiede il permesso alle maestre, si mette al centro della stanza e comincia a cantare a squarciagola “Perdere l’amore” di Massimo Ranieri che aveva appena vinto Sanremo. Standing Ovation! Ragazzine dai 6 ai 10 anni in delirio per lui! Due minuti di applausi!

Direttò, quest’ultima ce la ricordiamo in pochi eh..

Segui la politica? Come sei orientato, e perchè?
Non seguo molto (anzi, quasi per niente) la politica sia perchè la mia giornata tipo non mi permette di seguire tg o leggere giornali, sia perchè mi sembra motivo di amari scontri con gli amici. Ci sono argomenti per i quali mi scaldo troppo, perdo il self-control e quindi cerco di evitarli.
Sono ideologicamente di sinistra, ma non di una sinistra statalista e accentratrice, che prima o poi diviene regime, ma bensì di una sinistra rivoluzionaria,
che si avvicina alle lotte ideologiche dell’America Latina. Perchè? Perchè fino a quando la quasi totalità delle risorse economiche sarà in mano a pochi e fino a quando i paesi ricchi e “democratici” lo saranno alle spalle dei popoli che opprimono, ci sarà bisogno di Resistenza.

Il tuo sport preferito, la tua squadra del cuore e il tuo idolo sportivo?
Non posso non dire il calcio, che mi ha permesso sia di fare tante emozionanti esperienze in giro per l’Italia (e in Austria con il Direttore), sia di conoscere di persona calciatori che già erano famosi oppure che lo sono diventati.
Ultimamente però ho perso la voglia di seguirlo e sinceramente me ne frega sempre meno apparte la nazionale. Le mie squadre del cuore sono l’Inter e l’Ascoli Calcio.
Mi piacciono anche il basket, il motociclismo e il rugby (quest’ultimo per ora solo a livello di nazionale).
Da piccolo avevo tanti idoli, Walter Zenga su tutti. Oggi dico Valentino Rossi e Marco Materazzi.

Paragona tre utenti di secondopiero a tre personaggi famosi.
Questa è tremenda!! Vediamo..
OrsoTom potrebbe essere Paul Michael Glaser nel ruolo di Starski.
Jonny Rango (JR) è il futuro Anthony Kiedis dei RHCP.
Eppoi Nick con i capelli corti è sicuramente Rocco Siffredi, non c’è dubbio! :)

Infine la domanda del pubblico: Bionde, rosse o scure, che preferisci?
Direi le scure, se hanno anche gli occhi chiari è il massimo.
Per me il posto al mondo dove si trova lo stereotipo della donna esteticamente quasi perfetta è il Venezuela.
Le bionde mi piacciono ma soprattutto se hanno i lineamenti dei paesi dell’est Europa.
Le rosse mi piacciono solo se con i capelli mossi o ricci.
Un pò complicato, ma.. in fondo in fondo.. gradisco un pò di tutto.
Come dice un mio amico “in tempo de guera ogni buga è ‘na trincea” :)

by Matteo Zallocco


maggio: 2007
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

CM Reporters

Giovi, Matteo Zallocco

CM Photo Album

Piscina,agriturismo il Frutteto

gianna e silvia

da Montalto (MC)

Altre foto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a questo indirizzo e saranno subito rimosse.

Statistiche

  • 46,538 visite