L’anno novo e la Pasquella

January 3, 2008, 1:05 am

In Toscana si chiamano Befanate, nelle Marche e in Emilia Romagna sono i canti della Pasquella, canti di questua che si eseguono alla vigilia dell’Epifania, dall’imbrunire a notte fonda. L’usanza diffusissima nella tradizione popolare di tutte le regioni italiane, seppure in forme assai diverse, portava in un recente passato, gruppi di questuanti a intonare canti connessi al ciclo annuale della vegetazione. Oltre alla Pasquella, altri canti di questua sono quelli in occasione di Sant’Antonio, della Passione, il Cantamaggio, e tra i bambini, lo Scacciamarzo, tutti coincidono con alcune date precise del calendario agricolo e sono eventi rituali strettamente legati al ciclo della natura e sintetizzano anche lo stesso ciclo vitale dell’uomo. Il canto della Pasquella, vedeva protagonisti le squadre di “cantori“, che si recavano di casa in casa, ripetendo ogni volta il rito del canto come augurio di salute, di benessere e di abbondanza, in cambio di piccole offerte di denaro, cibo e vino, destinati al pranzo che avrebbe concluso la festa. La classica formazione dei questuanti era di tre elementi: organetto, cembalo, “timpani” (triangolo) e voci maschili. Nel fabrianese gli strumenti accompagnatori erano anche il “violone”, i violini, la fisarmonica o l’organetto. Gli antichi rituali sono andati inesorabilmente scomparendo a causa delle trasformazioni profonde della società e dell’ambiente, lo spopolamento delle campagne, l’urbanizzazione e la polverizzazione della civiltà contadina. Per evitare la dispersione del materiale che è sempre stato tramandato oralmente, il Centro Tradizioni Popolari, in collaborazione con il Comune di Montecarotto, il gruppo La Macina e altri enti, chiama a raccolta ogni anno a Montecarotto (AN) alcuni tra i portatori autentici della tradizione provenienti da tutte le Marche e dalle regioni limitrofe, allo scopo di riportare casa per casa, l’antico canto rituale della Pasquella. L’evento diventa anche l’occasione per trasmettere la vitalità e l’impegno culturale dei partecipanti alle nuove generazioni.

I testi dei canti della Pasquella variano da zona a zona. Fanno parte di una Pasquella recanatese questi quattro versi:

…..Se ce date du sarcicette
non c’emporta s’è piccolette
basta che rimpa la padella
l’anno novo e la Pasquella.

Nel maceratese la tradizione rivivrà quest’anno in diversi comuni. A Porto Recanati si segnalano Pasquellanti dal 2 al 20 gennaio in giro lungo le vie della città.

Canto della Pasquella sabato 5 gennaio 2008, a Sforzacosta (ore 15:30), l’evento si ripeterà domenica 6 gennaio 2008 a Macerata in Piazza della Libertà (ore 17:30).

Viva Viva la Pasquella anche a Frazione Casali e Fondovalle di Ussita, sabato 5 gennaio dalle ore 19.00.

Se andate, scattate e inviateci le foto!! L’album fotografico di Cronache Maceratesi come sempre vi aspetta.

Fonti: La Macina, italianfolkmusic.blogspot

by giovi


gennaio: 2008
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

CM Reporters

Giovi, Matteo Zallocco

CM Photo Album

Piscina,agriturismo il Frutteto

gianna e silvia

da Montalto (MC)

Altre foto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a questo indirizzo e saranno subito rimosse.

Statistiche

  • 44,849 visite

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: