Se questo è un uomo

January 26, 2008, 5:21 pm

In occasione del “Giorno della Memoria” ecco un contributo scritto e fotografico di Laura Nori, che ha recentemente visitato Auschiwtz.


Entrare nei campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau, vedere con i miei occhi i luoghi in cui si è consumato uno dei più grandi massacri della storia, è qualcosa di indescrivibile che difficilmente riuscirò a dimenticare. Sono sincera, non è per niente facile trovare la parole per raccontare ciò che si sente camminando all’interno del lager, passando accanto ai carrelli che trasportavano i corpi nei forni crematori, entrando nelle baracche dove dormivano ammassati milioni di deportati, o nelle finte docce dalle cui tubature, invece dell’acqua, usciva il gas letale. La sofferenza, in quei luoghi, è ancora palpabile così come la paura… la si percepisce ad ogni passo, in ogni centimetro. Nonostante sia passato più di mezzo secolo, è ancora li, sospesa nell’aria. Non si può dare una spiegazione logica per quei milioni di innocenti brutalmente uccisi; rimangono solo l’orrore, lo sgomento, e l’impegno per non dimenticare. Perché qualcosa di simile non accada mai più. Il 27 gennaio 1945 è la data in cui furono abbattuti i cancelli di Auschwitz e proprio il 27 gennaio è diventato il “Giorno della Memoria”, dedicato al ricordo della tragedia della Shoah e delle persecuzioni subite dagli ebrei e dai deportati militari e politici nei campi nazisti. Ma non solo: è anche il giorno della riflessione su tutti i massacri avvenuti in passato e su quelli in corso.


“Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case;
Voi che trovate tornando la sera
Il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce la pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì e per un no

Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno:

Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole:
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,

Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli:
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri cari torcano il viso da voi”

(“Se questo è un uomo” Primo Levi)

by Matteo Zallocco

Annunci

gennaio: 2008
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

CM Reporters

Giovi, Matteo Zallocco

CM Photo Album

Piscina,agriturismo il Frutteto

gianna e silvia

da Montalto (MC)

Altre foto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a questo indirizzo e saranno subito rimosse.

Statistiche

  • 46,529 visite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: